Feed RSS

Corno Medale-Via Formica

Relazione via “Formica” al Corno Medale
Sviluppo: 380 metri
Difficoltà: VI e A2
Materiale: serie di friends, qualche chiodo
Attacco: 15 metri a destra della via “Cassin” , cordino nei pressi di una lama staccata con bollo giallo sbiadito.
L1: seguire il diedro e la successiva placca, poi leggermente a sinistra sino alla sosta su un bel terrazzino.(Sosta in comune con la via “Sulla rotta di Poseidone, 50 metri, VI , qualche chiodo).
L2: alzarsi qualche metro su gradoni, poi continuare per una fessura (bong con fettuccia) sino alla cengia erbosa. (20 metri, V+, utile qualche friends).
L3: proseguire diritti, inizialmente per fessura (cordino su radice), poi per un diedro fino ad un piccolo terrazzo. (30 metri, VI e A1, chiodi).
L4: superare una placca leggermente strapiombante su roccia a gocce sino ad una cengia inclinata, poi qualche metro verso sinistra e successivamente su placca sino ad una sosta appesa. (25 metri, V+ e A1, chiodi e spit).
L5: si continua su placca seguendo chiodi e protezioni artigianali verso destra entrando poi nel diedro di “Sulla rotta di Poseidone”, sosta in comune. (30 metri, VI e A2).
L6: continuare per il diedro di sinistra (chiodi a pressione) e seguire poi la sequenza di diedri e fessure un po’ a zig-zag fino ad arrivare ad una nicchia. Sosta su clessidra. (25 metri, VI e A1).
L7: traversare verso sinistra, poi di nuovo a zig-zag per diedri e fessure. Sosta su un terrazzino. (25 metri, VI).
L8: si prosegue per un diedro fino ad un terrazzo sotto uno strapiombo, dove si sosta. (20 metri, VI).
L9: si traversa verso sinistra su placca compatta fino a prendere una fessura strapiombante al termine della quale si fa sosta. (20 metri, V e A1).
L10: ci si sposta verso destra per gradoni sino ad un canale e si continua per esso fino ad un pulpitino dove si sosta. Sosta su spit con moschettone per calata (30 metri, IV; tiro disturbato dalla vegetazione, fare attenzione!!! …qualche sasso instabile).
Da qui ci si cala verso sinistra una decina di metri (cengia erbosa con sosta, fare attenzione alla roccia instabile!)
L11: si sale inizialmente una placca, poi verso sinistra per sistema di piccoli diedri. Sosta su un terrazzino. Possibilità di uscire a sinistra sulla via Cassin. (30 metri, VI e A1).
L12: proseguire inizialmente per una fessura, poi per diedri fino ad una strozzatura dove si sosta. (30 metri, V e A1).
L13: continuare per un diedro fino ad una nicchia sotto un piccolo tetto. (30 metri, VI).
L14: uscire a sinistra dal tettino e proseguire sul bordo dello strapiombo sottostante fino ad uno spuntone (prestare attenzione!!!),poi verso sinistra per una placca e successivamente per rocce rotte. (50 metri, V+ e III). Libro di via.
L15: si esce per il diedro con rocce rotte. (20 metri, III, prestare attenzione!!!).

I NOSTRI MARCHI

GUARDA CHI OFFRE PRODOTTI DI ALTA QUALITÀ AL NOSTRO NEGOZIO

Sherpa Mountain Shop

Nasce nel 2001... un anno tristemente famoso, un anno da scoraggiare future imprese commerciali, ma lo scopo di Sherpa non era il businness.

Una pazza idea di Giovanni che ancora è al timone di Sherpa, un'idea nata dalla smisurata passione per la Montagna con la M maiuscola in tutte le sue sfaccettature, dalla arrampicata, all'alpinismo, dall'escursionismo alla sicurezza sul lavoro.

Un'idea pazza, anti-commerciale che non poteva non essere supportata da una grande famiglia e in particolare da una grande compagna.

Sherpa è oggi un punto di riferimento per chi vuole ancora sentire il respiro di Montagna in un negozio, per chi vuole farsi consigliare, per chi vuole scambiare opinioni, per chi vuole ancora una dimensione umana.

La missione di Sherpa è questa: contagiare la gente alla malattia più bella: la passione della Montagna.

PAGAMENTO

payments

Contattaci

Tel.  +39 039 681 7092   

mail. [email protected]

Privacy e Cookie

Taglie

Servizi