Feed RSS

Torrione Zocca Parravicini

Scarica la relazione.

TORRIONE DI ZOCCA 3010m
Valle di Zocca, laterale della Val Masino, Sondrio
Spigolo Parravicini – Dell'Oro, Tizzoni, Cazzaniga (1937)
Parete Sud, 270m, TD- (V+/A0)

ACCESSO
Da San Martino in Val Masino raggiungere la Val di Mello: proseguire per il fondo
della valle fino a raggiungere la deviazione per il rifugio Allievi-Bonacossa. Seguire
il ripido sentiero che si inerpica nella splendida Valle di Zocca (ore 3:30).
ATTREZZATURA
Via alpinistica, con diversi chiodi in parete, ma soste da integrare/rinforzare
sistematicamente. I passaggi più difficili sono ben protetti; in ogni caso ci sono
ottime possibilità di integrazione con protezioni veloci.
ATTACCO
Risalire i pendii detritici immediatamente alle spalle del rifugio con rade tracce,
puntando al canalone a Est del Torrione. Quando il pendio si trasforma in ampio
canalone, a sinistra si nota una evidente cengia detritica (45 min – 1 ora dal rifugio).
Seguirla (ometti) e dopo un centinaio di metri si arriva sotto un canale molto aperto
che termina sotto la parete Est del Torrione. Per questo canale si svolgono le ultime
doppie del percorso di discesa. NB: evitare l'evidente e incassato canale che parte
dall'inizio della cengia.
Proseguire sulla cengia (ometti) in leggera salita fino al suo termine. In arrampicata
o con una breve doppia, scendere nell'ampio catino della parete Sud. Risalire per un
canalino (II) al sistema di cenge erbose che seguite verso sinistra (Ovest) conducono
a un intaglio dello spigolo Sud e all'attacco della via (passaggi di III; dal rifugio
calcolare circa ore 1:30).
DISCESA
Dalla cima del Torrione seguire gli ometti verso Est per circa 50m, fino a incontrare
la prima sosta di calata (doppio spit con cordino). Le prime due calate sono in
verticale (50 + 50 m), con la terza si può obliquare a destra (faccia alla parete, 50m) e
raggiungere gli sfasciumi di un ampio canale. In alternativa, calarsi in verticale
anche con la terza doppia e obliquare con la calata successiva verso il canale. Tutte
le calate sono attrezzate con due spit e cordino.
Scendere in arrampicata e camminando per il canale per circa 200m, puntando al
suo bordo sinistro (faccia a valle, grosso ometto). Con altre due doppie da 50m
attrezzate come le precedenti, si raggiunge la cengia percorsa per l'attacco della via.
Di qui si ripercorrono i pendii di sfasciumi fino al rifugio.
Nota: la relazione è riferita a una ripetizione del Luglio 2009.

I NOSTRI MARCHI

GUARDA CHI OFFRE PRODOTTI DI ALTA QUALITÀ AL NOSTRO NEGOZIO

Sherpa Mountain Shop

Nasce nel 2001... un anno tristemente famoso, un anno da scoraggiare future imprese commerciali, ma lo scopo di Sherpa non era il businness.

Una pazza idea di Giovanni che ancora è al timone di Sherpa, un'idea nata dalla smisurata passione per la Montagna con la M maiuscola in tutte le sue sfaccettature, dalla arrampicata, all'alpinismo, dall'escursionismo alla sicurezza sul lavoro.

Un'idea pazza, anti-commerciale che non poteva non essere supportata da una grande famiglia e in particolare da una grande compagna.

Sherpa è oggi un punto di riferimento per chi vuole ancora sentire il respiro di Montagna in un negozio, per chi vuole farsi consigliare, per chi vuole scambiare opinioni, per chi vuole ancora una dimensione umana.

La missione di Sherpa è questa: contagiare la gente alla malattia più bella: la passione della Montagna.

PAGAMENTO

payments

Contattaci

Tel.  +39 039 681 7092   

mail. [email protected]

Privacy e Cookie

Taglie

Servizi