Facebook Wall

Martina Frigerio

20171127_113031.jpg

Buon giorno,

sono Martina Frigerio sono nata a Lecco il 29-11-1991.

Ho iniziato a scalare grazie all'aiuto di mio papà Antonio che mi portava alle placchette del S. Martino e ad Introbio. Sotto casa mia c'era il primo pannello dei “Ragni” e io con dei miei vicini di casa andavamo a giocare in cortile dove avevano i garage...

un bel giorno ci è caduta la palla dentro questa stanza, essendo tutti piccoli nessuno aveva il coraggio di entrare a prendere la palla.

Allora io, quella più piccina, si è presa tutto il coraggio che aveva nel suo corpicino ed è entrata in quella stanza. Sono rimasta meravigliata dalle persone che c'erano dentro, tutti grandi e grossi mi chiesero se era mia la pallina, con un filo di voce risposi di sì e scappai subito a casa...

ma non perchè mi avevano fatto paura ...

ma per andare a chiamare mio papà e chiedergli se mi portava ancora in quella stanza a provare quello strano sport. Mentre entravo da quella porta con mio papà, avevo il cuore che mi batteva a mille, stringevo più che potevo quella mano grande grande che mi faceva sentire protetta.

Vedendo le persone appese quasi a testa in giù mi si illuminarono gli occhi...

due ragazzi di nome Fabio e Marco (scoprì poi che era Marco Vago) molto gentilmente mi chiesero se volevo provare, vergognosa com'ero diventai rossa e mi nascosi dietro a mio padre.

Alla fine...ero troppo attratta per questo sport e provai...

ogni giorno alla stessa ora mi presentavo davanti a quella porta per poter entrare ad arrampicare...

e mi piaceva sempre di più, mi avevano soprannominato “Ragnetta”.

Quando avevo l'età di 4 anni ho iniziato a fare ginnastica artistica, mi piaceva moltissimo, ero snodatissima e brava infatti ho vinto alcune gare anche in quel campo.

All'età di 8 anni ho dovuto prendere un decisione, ancora adesso la reputo molto grande per quella bambina piccina, ho dovuto scegliere tra la ginnastica artistica e l'arrampicata...

confrontando i due sport l'arrampicata mi faceva stare all'aria aperta , a contatto con la natura, girare il mondo, vedere posti nuovi, provare delle emozioni sempre diverse...

mentre la ginnastica NO, sempre chiusi in quelle palestra rumorose!

E così nel 2000 sono entrata a far parte della squadra agonistica dei Ragni della Grignetta iniziando a fare le mia prime gare amatoriali come il Promorock...vincendo parecchie edizioni, ma non era quello che mi interessava...

il premio più grande era il DIVENTIMENTO!

Quando facevo le gare mi ha allenato per un po' di anni Paolo Cattaneo un ragazzo di Bergamo...con lui mi sono trovata benissimo...ci allenavamo 3 volte a settimana e poi il week end c'erano le gare!

Bè adesso non ci vediamo più come prima ma quando ci troviamo in falesia a scalare insieme...mi sembra di tornare indietro nel tempo...è una di quelle persone che soltanto con la loro presenza ti buttano addosso un'ondata di forza, di stimolo ed è per questo che quando mi allenava mi trovavo bene! E sopratutto ancora adesso se ho qualche problema, so che lui c'è!

Poi all'età di 15 anni il gruppo Ragni ha preso un allenatore generale, Tito Pozzoli...però lui ti inviava via e-mail delle schede con gli esercizi da fare...ma non era la stessa cosa.

CF025707.jpg

 

Mentre adesso mi alleno 2 volte a settimana sempre in palestra dei Ragni di Lecco, dove faccio anche dei corsi per bambini (titolo di istruttore - aiuto allenatore), dove faccio vie sulla struttura, giri sul pannello che mi piace farli sia in compagnia che da sola però deve sempre esserci la musica ad alto volume...come dico io “la musica mi carica a bomba!” e pochi boulder perchè mi piace farli in compagnia...in palestra diciamoci la verità, non ho neanche lo stimolo adatto!

Poi c'è il week end, tanto atteso, per andare a scalare fuori, infatti i prende il furgone e via...- in viaggio per andare in falesie lontane da casa nostra. Per avere venticinque anni sono stata in molte falesie Italiane ed Europee e per questo mi sento molto fortunata! Sono rimasta impressionata dalla bellezza e dalla grandezza di Margalef, Siurana, Rodellar, Gorges du Verdon, Oliana, Briançon, Ceuse, Pian Bernardo, Finale, Albenga..mi fermo qua perchè se non farei un elenco troppo lungo...comunque in tutte queste falesie ho sempre fatto dei tiri fino al 7b/7c.

L'arrampicata... quello che amo di più nell'arrampicata è quella semplice voglia di salire, e di sentir danzare il mio corpo su quelle prese.... penso che sia la mia più intensa passione che provo! Adoro arrampicare in falesia perchè mi piace salire in alto, fino a cercare di toccare il cielo, e sopratutto sei li su quel tiro da sola, tu, il tuo corpo, la tua testa, la forza nelle tue braccia... e devi essere capace di risolvere il “problema”... devi essere capace di capire qual'è il tuo limite mentale e fisico.

IMG-20171127-WA0013.jpg

 

Nessuno può dirti niente...è tutto nelle tue mani! Alla fine di tutta questa mi presentazione vorrei ringraziare mio papà Antonio per avermi fatto scoprire questo splendido sport e tutte le persone che mi sono state vicine e hanno camminato con me sul mio percorso nel mondo dell'arrampicata... e gli sponsor per aiutarmi...

PRIMO 8A a 17 ANNI http://www.planetmountain.com/it/notizie/arrampicata/arrampicata-martina-frigerio-andromeda-eun-8a-a-17-anni.html

INTERVISTA http://www.paolo-sonja.net/.search?query=martina+frigerio&name=Search

MAGICO CIUFFETTO http://larioclimb.paolo-sonja.net/bacheca/index.html

CF025686.jpg

Iscrizione Mailing List

Iscriviti alla mailing list per rimanere sempre aggiornato sulle novità SHERPA.


Ricevi HTML?

Il trattamento della mail è strettamente riservata all'invio di offerte, eventi e informazioni sui prodotti.
Joomla Extensions powered by Joobi

Login Form